In questo post esploreremo il significato di diffusione dell'innovazione in geografia.


La diffusione dell'innovazione è il processo attraverso il quale la cultura, la tecnologia o le idee di una regione o di un gruppo sociale si diffondono nel tempo in altre regioni o gruppi sociali. La geografia riconosce che la diffusione dell'innovazione è un processo spaziale e temporale e descrive il processo di diffusione spaziale nel tempo in tre fasi: generatore, diffusore e saturazione profonda. Durante la fase di generazione, le innovazioni vengono adottate nelle regioni vicine alla fonte dell'innovazione, mentre non vengono adottate nelle regioni più lontane, con conseguenti grandi disparità regionali nei tassi di adozione dell'innovazione. Durante la fase di diffusione, l'innovazione si diffonde dalla regione ricettiva iniziale a regioni lontane. Nella fase di approfondimento e saturazione, la diffusione dell'innovazione avviene in tutte le regioni, indipendentemente dalla distanza dalla fonte originaria, e le disparità regionali nei tassi di adozione scompaiono gradualmente.

La diffusione spaziale di un'innovazione è descritta dal contagio e dalla diffusione gerarchica. La diffusione contagiosa è caratterizzata dall'effetto vicinato, secondo il quale quanto più stretta è la distanza tra la fonte di un'innovazione e i potenziali adottanti, tanto più rapida è la diffusione dell'innovazione. Più è vicina la distanza tra la fonte e l'adottante, maggiori sono le opportunità di contatto faccia a faccia, quindi la diffusione di un'innovazione è guidata principalmente dalla comunicazione personale piuttosto che dai mezzi di comunicazione di massa. D'altra parte, la diffusione gerarchica è caratterizzata dall'effetto gerarchia, per cui più grande è la città, migliore è la diffusione dell'innovazione. La diffusione gerarchica permette alle innovazioni di diffondersi dalle città più grandi a quelle più piccole. Tuttavia, nel mondo reale, sia il contagio che la diffusione gerarchica possono verificarsi contemporaneamente. Ad esempio, un'innovazione che ha origine in una grande città può diffondersi in una grande città lontana e contemporaneamente nelle città piccole e medie che circondano la grande città.

Il numero di adottanti di un'innovazione cambia nel tempo. Inizialmente, il numero di adottanti cresce lentamente, ma a un certo punto inizia a crescere rapidamente e alla fine si satura. Questo perché i singoli adottanti differiscono nei tempi di adozione. Gli adottatori di innovazioni si dividono in quattro gruppi in base all'ordine cronologico in cui adottano un'innovazione: un piccolo numero di innovatori, che sono i primi ad adottare un'innovazione; un grande numero di adottatori precoci, che adottano un'innovazione dopo un periodo di riflessione; un grande numero di adottatori tardivi, che adottano un'innovazione dopo aver visto che altri l'hanno adottata; e un piccolo numero di ritardatari, che sono riluttanti a provare cose nuove e adottano un'innovazione molto tempo dopo il fatto.